Lemi, dimmi come giochi

Blog di Silvia Montecchi
Fotografia di Silvia Montecchi

Variopinto, che dal 1995 opera in Rwanda (Africa), da sempre, accanto all’impegno concreto in quella terra, promuove e sostiene anche iniziative per la diffusione di una cultura di giustizia e solidarietà tra gli uomini.
Un cammino, in Italia come in Rwanda, per accompagnarci reciprocamente nella costruzione di una società civile sempre più in grado di riconoscere e interpretare la dignità e i diritti delle persone a qualsiasi latitudine si trovino a vivere.
Per questo riteniamo di fondamentale importanza stimolare e favorire la formazione di una coscienza responsabile, curiosa e attenta alle diversità culturali, quale necessario strumento di crescita e formazione.

Da queste convinzioni nasce e si sviluppa la “ mostra del giocattolo africano” costituita dai giochi esposti, pensati e costruiti con materiali poveri o di scarto, gli unici a disposizione dei piccoli africani e dai cartelli fotografici esplicativi affissi ai pannelli, perché insieme possano essere la base per la conoscenza di vita in terre lontane, ma incredibilmente vicine se guardate con gli occhi del cuore….

 

IL PERCHE’

C’è un filo che unisce tutti i bambini del mondo. Il gioco.
Giocare per stare insieme
Giocare per amare la vita
Giocare per crescere
Giocare per diventare uomini
E questo da sempre. In ogni luogo. In ogni condizione.
Si può e si deve giocare. Si gioca nella “normalità” delle nostre città. Si gioca nelle “aree di povertà”di cui è troppo pieno il nostro mondo. Il gioco, quando è gioco, vero, non sostituisce l’Altro, non diviene più importante dell’Altro. Ma ha bisogno dell’Altro. E allora, una palla di foglie di banano, una macchinina di fil ferro, una bicicletta di legno, una……diventano altro, diventano gioia.
E allora il gioco unisce. Diventa universale. Non ha lingua, non ha colore, non ha confine.

 

I GIOCHI

…….macchinine in latta dal Madagascar, dove tutto viene riciclato, nulla deve essere sprecato e anche le lattine e i barattoli vuoti trovano una loro collocazione, per essere trasformati in modellini di camion, automobili, motociclette….

…….macchinine e camion in fil di ferro, cartone o contenitori di plastica, provenienti da Rwanda e Zambia, dove anche il pezzetto di filo apparentemente inutilizzabile
“prende vita”, così come la suola delle ciabattine ormai rotte o i tappi delle bottiglie…..

…….automobili e ed elicotteri provenienti dal Rwanda, costruiti in legno di Eucalipto, albero diffusissimo in tutto il paese

…….palle in foglie di banano o composte da pezzetti di plastica che richiedono anche più di un mese per la loro ricerca. Tempo e fatica che le rendono preziose per i bambini rwandesi. Per giocare a calcio, pallamano, palla prigioniera…..e a tanto altro, perché molti giochi sono comuni a tutti i bambini

……..bambole e pupazzi di tanti tipi, provenienti dal Madagascar, dal Rwanda e dallo Zambia, con stoffe colorate e imbottiture svariate, dall’ erba agli scampoli, a……e tanti pupazzetti in foglia di banano dal Congo, per fantasticare e vivere storie speciali

……..fionde, lippa e bilancere dal Rwanda. Giochi apparentemente semplici, ma ancora ricchi di interesse per ogni ragazzo del mondo

……..igisoro dal Rwanda e nsolo dallo Zambia, perché lo stesso gioco di società con nomi diversi, accomuna tanti paesi dell’Africa, così come la musica di tamburi e maracas

…..e poi ancora provenienti dal Rwanda, una bicicletta con cui giocare, ma anche lavorare trasportando i sacchi da casa al mercato o viceversa; un aquilone e una papera per il divertimento dei più piccoli; due piccoli uccelli perché la foresta è fonte di ispirazione; una dama allegra e divertente per il gioco di adulti e bambini…….

 

DESCRIZIONE DELL’INIZIATIVA

Il percorso si potrà articolare attraverso uno o più momenti:

Mostra
1. allestimento della mostra del giocattolo africano ed eventuale accompagnamento della/e classe/i nella visita alla stessa;

Laboratorio
2. costruzione di un giocattolo con materiali e modalità tipiche dei bambini africani da parte di ogni ragazzo/a;

Riflessione
3. incontro di presentazione del contesto territoriale sul quale come associazione operiamo, attraverso l’utilizzo di materiale informativo e supporti audiovisivi.

 

IL LIBRO

Da una di queste esperienze tra Variopinto e la scuola è nato un libro che raccoglie i pensieri, le riflessioni, le emozioni provate da alcune classi di alunni.

 


 

Nella forza delle parole del Dirigente Scolastico del 1° Circolo di Limbiate si legge l’importanza di affrontare certi temi anche e soprattutto con i bambini che possono raccogliere e far crescere  oggi e domani il “germoglio” di una società migliore:

I pensieri che i nostri bambini hanno scritto con semplicità e grande spontaneità dopo aver visitato la mostra dei giocattoli costruiti dai loro coetanei del Rwanda e dopo aver provato loro stessi a realizzarne qualcuno, con l’aiuto dei fantastici operatori dell’Associazione Variopinto Onlus, utilizzando dei materiali poveri, dopo un’attenta lettura, sembrano porre a noi adulti delle inquietanti domande:

” Ma come ci state crescendo? Quali valori ci state trasmettendo? La TV e i videogiochi ci stanno bruciando la mente, ci lamentiamo anche per le cose superflue, non diamo importanza alle piccole cose, nè ci rendiamo conto che qualcuno ci vuole bene, ci manca la fantasia, la gioia di fare, la creatività…”

Ancora una volta quindi, come mi capita spesso di sottolineare, abbiamo ricevuto dai bambini una bella lezione! …

Enrico Trabattoni.

D.S. 1°Circolo – Limbiate

 
 

Per chi fosse interessato il libro è disponibile da noi in Bottega.

…Un ringraziamento particolare va  a Silvia Montecchi per la gentile concessione all’utilizzo delle immagini del suo archivio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...